COME PREPARARE UNA TRECCIA RUSSA INTEGRALE

Una ricetta soffice e deliziosa con farine di grano tenero Gentil Rosso e Verna.

Treccia russa
Michela Tarantini su Verdi Radici

Michela Tartarini

Pasticciera & blogger

Biografia
Michela Tarantini su Verdi Radici

Michela Tartarini

Pasticciera & blogger

Emilia Romagna

Mi chiamo Michela ho 24 anni, e sono una pasticcera con la passione per la fotografia. Sono diplomata all'Alma, una scuola internazionale di cucina, nel corso di pasticceria superiore. Un po' per caso ho iniziato a fotografare le foto dei miei dolci per condividerle sui miei social. Piacevano molto, perciò ho continuato fino ad arrivare a qui. Da poco ho aperto anche un piccolo blog in cui condividere le ricette di quello che faccio, perché penso che il cibo sia innanzitutto condivisione e soggettività: non avrebbe senso non divulgare qualcosa che non può che creare gioia e soddisfazione in chi la rifarà.

Ecco i miei contatti:
Facebook: /michela.tar

Categoria: Alimentazione, Gastronomia

Oggi vi racconto come cucinare una treccia russa dolce. Ho scelto di mescolare due farine di grani antichi, una Gentil Rosso tipo 0 e una Verna integrale. Il risultato finale è davvero sofficissimo, usando queste due farine insieme. È, soprattutto, molto profumato, con sentori al palato particolari, grezzi, quasi di frutta secca. Non è per niente dolce, perciò si può benissimo mangiare accompagnato da marmellate o creme varie.

TRECCIA RUSSA CON FARINA GENTIL ROSSO E VERNA

Difficoltà: media
Tempo di preparazione: circa 4 ore
Tempo di cottura: 30 minuti
Dosi per: 1 stampo da plumcake 30x12cm
Adatto a: Vegetariani

Treccia russa ricetta

Ingredienti

  • 250 g farina integrale Verna
  • 250 g farina tipo 0 Gentil Rosso
  • 10 g lievito di birra fresco
  • 110 g zucchero
  • 2 uova intere
  • 90 g burro
  • 1 cucchiaino raso di sale
  • 40 g burro
  • 20 g zucchero

Preparazione

Treccia russa impasto
  • Formare un pre lievito sciogliendo il lievito di birra nel latte a temperatura ambiente. Unire poi la farina presa dal totale, quanto basta per creare una specie di pastella. Cospargere la superficie della pastella con un velo di altra farina, e coprire con la pellicola. Fare lievitare al chiuso fino a che non si formeranno delle crepe da cui si potranno vedere la superficie del lievito sottostante (1).
  • Porre il pre lievito nella planetaria con le uova e parte della farina residua. Impastare a velocità minima. Aggiungere poi lo zucchero e la restante farina e fare amalgamare tutto, continuando ad impastare. Quando il composto risulterà amalgamato, aggiungere il burro, ed infine il sale. Portate l’impasto ad incordatura: per capire quando sarà pronto, prelevatene un pezzetto ed allargatelo pian piano con le dita: non dovrà spezzarsi, ma dovrà diventare sempre più sottile e lucido, fino a che non ci potrete vedere attraverso. Ci vorranno dai 5 ai 10 minuti, dipende dalla velocità e dalla modalità in cui impastate (2).
  • Ungere un recipiente e fare lievitare l’impasto fino al suo raddoppio. Nel frattempo mescolare il burro insieme allo zucchero. Una volta che l’impasto sarà lievitato, porlo su una spianatoia infarinata, e stenderlo fino ad uno spessore di ½ centimetro, possibilmente mantenendo una forma rettangolare.



  • Ora bisogna dare la classica forma a treccia. Posso assicurare che è più facile farlo che spiegarlo! In giro su youtube potete comunque trovare tantissimi video con il procedimento ed i movimenti esatti da fare per formare la treccia (sopra ne potete vedere uno, gli ingredienti sono diversi, ma i movimenti sono gli stessi). Ecco il procedimento: con una spatola stendere il composto di burro e zucchero sulla superficie dell’impasto. Arrotolare poi il tutto e procedere in questo modo: 
    A. tagliare 3 cm di rotolo e porre da parte (servirà per formare la seconda rosellina tipica della treccia);
    B. lasciando intatti 2 cm dalla parte superiore, tagliare per il lungo il rotolo a metà. 
    C. fare scivolare la parte superiore non tagliata, in mezzo al taglio sottostante: in questo modo avrete formato la prima rosellina che vi darà la forma tipica di questo lievitato;
    D. intrecciare la restante parte del rotolo, e nella parte finale porre la rosellina che avevate ricavato all’inizio tagliando l’impasto, in mezzo al taglio del rotolo, chiudendo così la treccia. 

Treccia russa preparazione e cottura

  • A questo punto trasferire la treccia in uno stampo da plumcake, e fare raddoppiare di nuovo. Infornare poi a 180° per circa 35 minuti (3).
  • Appena sfornata cospargerne la superficie con un velo di latte. Fare raffreddare e cospargere infine di zucchero a velo (4).

L'idea in più

Muffin con l'impasto della treccia russa

Io avevo uno stampo da plumcake troppo piccolo per quella quantità di impasto, perciò ho ritagliato altre due roselline dopo aver arrotolato il tutto, e le ho poste nello stampo per muffin. Ho lasciato lievitare ed ho cotto: sono venuti dei muffin di brioches sofficissimi, perciò questo impasto è versatile per qualsiasi tipo di forma.

Michela Tartarini